Salumi

Visualizzazione di tutti i 10 risultati

  • Salsiccia stagionata con finocchietto

    La salsiccia stagionata con finocchietto è una specialità tipica campana e lucana, dalla forma caratteristica a U fatto con carne fresca di suino di prima scelta, macinata a grana grossa nel rispetto della tradizione.

    6.00
    Svuota
    Select options
  • Salsicce stagionata a catenella con finocchietto

    La salsiccia stagionata con finocchietto è una specialità tipica campana e lucana, dalla forma caratteristica a U fatto con carne fresca di suino di prima scelta, macinata a grana grossa nel rispetto della tradizione.

    Peso circa 350 gr

    6.00
    Svuota
    Select options
  • Soppressata

    Si tratta di un prodotto artigianale di grandissima qualità, la carne utilizzata è di  suino, il prosciutto magro e il lombo vengono tritate e impastate con una piccola percentuale di lardo di pancetta, e condite con sale e pepe.

    7.00
    Svuota
    Select options
  • Prosciutto crudo

    Prosciutto crudo disossato, pronto al taglio consente un comodo e facile consumo.

    Il prosciutto crudo rappresenta un alimento importante della cucina italiana tradizionale, per il suo elevato potere nutrizionale ed il basso apporto di grassi.

    12.0078.00
    Svuota
    Select options
  • Salsiccia pezzente con aglio

    Il nome di questa salsiccia rimanda alle origini della vita contadina, alla necessità di conservare più a lungo possibile la carne e, soprattutto, di utilizzare al meglio ogni parte del maiale. Mentre le parti “nobili”, erano usate dai contadini per la produzione di soppressate, pancette e guanciali, al pezzente erano riservati i tagli poveri. La stagionatura avviene  secondo la tradizione. Il profumo è speziato e complesso; al palato è morbido, armonico ed equilibrato.

    Senza glutine. Senza lattosio.

    Ingredienti: Carne di suino, sale, peperoncino dolce o piccante, semi di finocchietto selvatico, aglio.

    Confezione: sottovuoto da circa 300 gr
    4.30
    Svuota
    Select options
  • Caciocavallo dell’emigrante

    Il caciocavallo dell'emigrante è un formaggio semiduro a pasta filata di antichissima origine. Si presenta con una crosta sottile, liscia, di marcato colore giallo paglierino e pasta omogenea e compatta; ha un sapore delicato che diventa piccante nel corso della stagionatura che varia dai 60 giorni a oltre 12 mesi.

    Il nome risale agli inizi del '900, quando iniziava il fenomeno dell'emigrazione, soprattutto verso l'America. I nostri compaesani sentivano il bisogno di esportare anche i nostri sapori, tra questi, c'erano i formaggi ed i salumi,  ma era proibito portare i salumi e pensarono di nasconderli dentro ai caciocavalli, nacque così il "Caciocavallo dell'Emigrante".

    Prodotto con latte vaccino e soppressata o salsiccia di maiale.

    Lavorazione e stagionatura simile a quella del caciocavallo con interno cavo farcito.

    Ancora oggi è uno prodotto molto richiesto, dove la delicatezza del caciocavallo si abbina perfettamente al gusto deciso dei salumi.

    9.0018.00
    Svuota
    Select options
  • Filetto

    Il Filetto  viene realizzato utilizzando la parte più delicata, magra  e pregiata suino, il filetto, conosciuto da sempre per la sua carne magra e asciutta del maiale trasformato per i clienti che preferiscono carni magre ma ricche di sapore, le sue morbide fette profumano di bontà.

    8.5031.00
    Svuota
    Select options
  • Pancetta tesa

    La pancetta tesa, quella più diffusa, è squadrata con o senza cotenna, dal colore bianco rosato al rosso scuro ed è caratterizzata da un sapore deciso e lievemente aromatico.

    6.5021.00
    Svuota
    Select options
  • Pancetta arrotolata

    In tutta la regione Campania, soprattutto nelle aree interne è diffusa la produzione della pancetta. L’abitudine di consumare tale salume risulta essere antichissima, risale, infatti all’epoca romana poiché in epoca imperiale i legionari ricevevano ogni tre giorni una razione di pancetta o lardo. Durante l’impero dei Longobardi, sappiamo che i manovali, all’inizio del lavoro stagionale, ricevevano una dose di pancetta a testa di circa cinque chili. Fino alla metà del’900, la pancetta, insieme ad altri grassi come lardo e strutto, è stata considerata una delle principali risorse energetiche per l’uomo, poiché questo salume, che si ricava dalla zona addominale del maiale, lavorato nelle diverse tipologie e forme, si presenta con strati alternati di parti grasse e magre, più o meno sottili. La pancetta arrotolata, a causa del suo stesso modo di preparazione porta la parte grassa all’esterno e la parte magra all’interno in modo che il sapore rimanga morbido e ben equilibrato.
    7.5026.00
    Svuota
    Select options
  • Capocollo

    Il capicollo, o capocollo, è un insaccato che viene prodotto, come dice il nome stesso, utilizzando un taglio di carne ricavato dal dorso del collo del maiale, da cui si fa derivare il nome.

    8.0026.00
    Svuota
    Select options
Need Help? Chat with us